E-learning

Il sapere è al tempo stesso l'esigenza e lo strumento essenziale dello sviluppo
La piattaforma e-learning di Fondazione Patrizio Paoletti è stata concepita e realizzata per sostenere e implementare i percorsi di lifelong learning che l'ente progetta e sviluppa in Italia e all'estero. Sulla piattaforma sono presenti contenuti ed esercizi fruibili in quattro differenti lingue per far fronte ad un utenza diversificata e diffusa, ad oggi, su quattro continenti. La piattaforma contiene un sapere pedagogico derivato dalle attività di ricerca (neuroscientifica, educativa, didattica e compilativa) che la fondazione promuove e persegue, i corsi sono seguiti da docenti e tutor specializzati. Sulla piattaforma si possono consultare materiali e testi specifici di Pedagogia per il Terzo Millennio, sistema pedagogico che opera per il miglioramento e lo sviluppo del potenziale di relazione tra gli individui.

Cerca per argomento

Store

  • Osservazione

    Osservazione
    Prezzo: 18,00 €

    Disponibile nelle seguenti lingue: italiano, inglese, spagnolo, francese, portoghese Collana:......

    approfondisci
  • T-Shirt Vivi Appassionatamente Uomo

    T-Shirt Vivi Appassionatamente Uomo
    Prezzo: 20,00 €

    Vivi Appassionatamente, dillo a tutti! Acquistando la maglietta della fondazione Paoletti non solo......

    approfondisci

Fondazione Patrizio Paoletti

news
home / elenco news / Dalla ricerca, 5 consigli per un cervello giovane a...

News

Bookmark and Share
Dalla ricerca, 5 consigli per un cervello giovane a qualsiasi età

E’ vero che la salute del nostro cervello è legata alla nostra età o possiamo fare qualcosa per mantenerlo in forma o, addirittura, migliorarne le performance?

Fino a pochi anni fa era convinzione diffusa in ambito scientifico che con il passare degli anni la salute del nostro cervello andasse man mano peggiorando. Per fortuna la ricerca scientifica aiuta l’uomo a scoprire sempre meglio se stesso e le sue risorse: oggi sappiamo che la salute del nostro cervello non dipende dalla nostra età, ma da come ogni giorno usiamo questo strumento straordinario. Così come il cervello influenza la nostra salute, i nostri comportamenti influenzano la sua.

Uno dei segreti per mantenere il cervello in forma è tenerlo sempre in allenamento. Attività come la lettura, la scrittura, o semplicemente il relazionarsi con gli altri, mettono in moto il nucleo basale, cioè quel meccanismo che definisce la capacità del sistema nervoso centrale di modificare la sua struttura in risposta a una varietà di fattori intrinseci o estrinseci. Denominata neuroplasticità, questa capacità rappresenta essenzialmente l’elasticità con cui il cervello modifica i rapporti sinaptici tra i neuroni, genera nuove connessioni o riutilizza connessioni prima inattive.

In poche parole, il cervello umano impara, si mantiene in salute e si fortifica se noi continuiamo a nutrirlo nel tempo.

Un recente studio del prof. Konstantinos Arfanakis e dei suoi colleghi della Rush University Medical Center e dell’Illinois Institute of Technology di Chicago ha dimostrato che attività come la lettura di un giornale, la scrittura di una lettera, il gioco degli scacchi o lo studio di una nuova lingua sono in grado di preservare l’integrità strutturale del cervello, anche in età più avanzate.

Dunque non è affatto vero che il cervello delle persone di mezza età è in declino. Alla base di questo falso mito c'era la convinzione che l'invecchiamento celebrale fosse causato dalla perdita di neuroni. Le nuove tecnologie hanno aiutato i neuroscienziati a dimostrare che la maggior parte dei cervelli tende invece a conservare i neuroni nel tempo.

Esso non viene dunque indebolito dal passare degli anni, anzi può addirittura essere potenziato. Per farlo è fondamentale seguire 5 semplici regole comportamentali: adottare un corretto regime alimentare, fare esercizio fisico, valorizzare i legami sociali, cercare di essere sempre attivi e imparare a gestire lo stress, dannoso per la neuroplasticità cerebrale.

Questi consigli valgono per tutte le età. Se il cervello fino ai 16-18 anni di età è un work-in-progress e una risorsa inestimabile da coltivare, a rispetto delle indicazioni delle moderne neuroscienze nessuno, crescendo, dovrebbe esimersi dal continuare a sfruttare le infinite potenzialità che il cervello ci offre.

Insomma, sembra che l’intramontabile imprenditore-filosofo Henry Ford avesse proprio ragione ad affermare che "chiunque smetta di imparare è vecchio, che abbia 20 o 80 anni. Chiunque continui ad imparare resterà giovane. La più grande cosa nella vita è mantenere la propria mente giovane." (Henry Ford)

Ricerca   |   Istituto di neuroscienze