E-learning

Il sapere è al tempo stesso l'esigenza e lo strumento essenziale dello sviluppo
La piattaforma e-learning di Fondazione Patrizio Paoletti è stata concepita e realizzata per sostenere e implementare i percorsi di lifelong learning che l'ente progetta e sviluppa in Italia e all'estero. Sulla piattaforma sono presenti contenuti ed esercizi fruibili in quattro differenti lingue per far fronte ad un utenza diversificata e diffusa, ad oggi, su quattro continenti. La piattaforma contiene un sapere pedagogico derivato dalle attività di ricerca (neuroscientifica, educativa, didattica e compilativa) che la fondazione promuove e persegue, i corsi sono seguiti da docenti e tutor specializzati. Sulla piattaforma si possono consultare materiali e testi specifici di Pedagogia per il Terzo Millennio, sistema pedagogico che opera per il miglioramento e lo sviluppo del potenziale di relazione tra gli individui.

Cerca per argomento

Store

  • Tazza ViVi Appassionatamente (PRODOTTO ESAURITO)

    Tazza ViVi Appassionatamente (PRODOTTO ESAURITO)
    Prezzo: 9,00 €

    (PRODOTTO MOMENTANEAMENTE ESAURITO) Vivi Appassionatamente, dillo a tutti! E se è......

    approfondisci
  • Tazza: "La felicità altrui è..."

    Tazza: "La felicità altrui è..."
    Prezzo: 8,00 €

    Tazza da collezione 21Minuti - I saperi dell'eccellenza A colazione lasciati ispirare......

    approfondisci

Fondazione Patrizio Paoletti

news
home / elenco news / Cervello: ecco le proteine della giovinezza

News

Bookmark and Share
Cervello: ecco le proteine della giovinezza

Un gruppo di ricercatori dell’Università della California ha scoperto che il cervello umano può ringiovanire: il suo processo di invecchiamento non sarebbe del tutto irreversibile perché legato alla proteina BDNF (brain-derived neurotrophic factor).

La scoperta, pubblicata su Journal of Neuroscience, segna un passo importantissimo per la ricerca neuroscientifica e rende più solido quel filone di indagini che, già da tempo, si concentrano su queste particolari proteine del cervello.

Si tratta della stessa famiglia di proteine (le neurotrofine) oggetto dell’indagine avviata dalla Fondazione Patrizio Paoletti in collaborazione con l’ “Istituto di biologia e patologia molecolari” (IBPM) del CNR, presso l’Università La Sapienza di Roma.

L’ipotesi di partenza di questo protocollo di ricerca è che la "Tecnica di Base del Quadrato" (Quadrato Motor Training" - QMT), una tecnica di motor training messa a punto nei laboratori dell’istituto di ricerca neuroscientifica della Fondazione Patrizio Paoletti, sia in grado di indurre delle variazioni nelle proteine BDNF, coinvolte nell’apprendimento, nella memoria e nella resistenza dei neuroni allo stress ossidativo.

Le neurotrofine determinano la sopravvivenza, lo sviluppo e la connettività dei neuroni. Esse sono composte dalla proteina NGF (Nerve growth factor) che, coinvolta nello sviluppo del sistema nervoso, indirizza e regola la crescita degli assoni dei neuroni, e dalla proteina BDNF (Brain-derived neurotrophic factor), che mantiene in vita i neuroni e ne regola la differenziazione.

Oggi, grazie allo studio californiano, sembra che i nostri ricercatori siano sulla strada giusta: promuovendo l’espressione del gene che codifica per tale proteina, il cervello ringiovanisce perchè i neuroni aumentano la loro capacità connettiva.

Il gruppo di scienziati americani ha determinato, infatti, la diretta relazione tra la quantità di BDNF presente nel cervello e il suo stato di salute analizzando il cervello di ratti giovani, adulti e anziani ed osservando che l’espressione del gene che codifica per BDNF diminuisce proprio in questi ultimi. In carenza di BDNF, inoltre, i neuroni perdono la capacità di modulare la loro forza di interconnessione, un tipico segnale d’invecchiamento cerebrale.

L’aumento della concentrazione di queste proteine nel cervello può determinare un miglioramento della memoria e dell’apprendimento. In un recente esperimento, un superiore livello di neurotrofine, ottenuto sottoponendo alcuni ratti colpiti da morbo di Alzheimer ad esercizi fisici, ha determinato un aumento delle capacità d’apprendimento spaziale dei piccoli animali.

E’ proprio il trattamento dei pazienti affetti da malattie neurodegenerative (Alzheimer e Parkinson, due patologie purtroppo in larghissima diffusione) uno dei possibili campi d’applicazione degli studi sulle neurotrofine.

Il futuro dell'uomo, insomma, passa sempre più per la ricerca sul cervello e i suoi rapidissimi sviluppi, per questo è così importante sostenerla. Scoprire il funzionamento ed i segreti del nostro organo più misterioso e sorprendente può davvero migliorare, e già lo sta facendo, la qualità della vita di tantissime persone in tutto il mondo.


Ricerca   |   Istituto di ricerca   |   Il protocollo con il CNR   |   Lo studio sulle neurotrofine