E-learning

Il sapere è al tempo stesso l'esigenza e lo strumento essenziale dello sviluppo
La piattaforma e-learning di Fondazione Patrizio Paoletti è stata concepita e realizzata per sostenere e implementare i percorsi di lifelong learning che l'ente progetta e sviluppa in Italia e all'estero. Sulla piattaforma sono presenti contenuti ed esercizi fruibili in quattro differenti lingue per far fronte ad un utenza diversificata e diffusa, ad oggi, su quattro continenti. La piattaforma contiene un sapere pedagogico derivato dalle attività di ricerca (neuroscientifica, educativa, didattica e compilativa) che la fondazione promuove e persegue, i corsi sono seguiti da docenti e tutor specializzati. Sulla piattaforma si possono consultare materiali e testi specifici di Pedagogia per il Terzo Millennio, sistema pedagogico che opera per il miglioramento e lo sviluppo del potenziale di relazione tra gli individui.

Cerca per argomento

Store

  • 21 minuti. I saperi dell'eccellenza

    21 minuti. I saperi dell'eccellenza
    Prezzo: 20,00 €

    Collana: Sguardi sul futuro di Edizioni 3P Titolo: 21 minuti. I saperi dell'eccellenza Autore:......

    approfondisci
  • Gli occhiali da sole (PRODOTTO ESAURITO)

    Gli occhiali da sole (PRODOTTO ESAURITO)
    Prezzo: 10,00 €

    Rinnova il tuo stile, guarda la tua estate con occhi appassionati! Sono leggeri, pieghevoli e......

    approfondisci

Fondazione Patrizio Paoletti

news
home / elenco news / Un progresso guidato dalla scienza è il nostro...

News

Bookmark and Share
Un progresso guidato dalla scienza è il nostro "vantaggio futuro"
Un progresso guidato dalla scienza è il nostro "vantaggio futuro"

Lunedì 11 Aprile - Si è tenuta, nell'ambito della Settimana della Scienza di Roma, la conferenza “Il vantaggio futuro. Scienza, etica, educazione”, manifestazione ideata e promossa dal Municipio III di Roma e dalla Fondazione Patrizio Paoletti.

Una location davvero unica, la splendida “Sala del Chiostro” della Facoltà di Ingegneria dell’Università degli Studi La Sapienza, ha ospitato  tre relatori d’eccezione: Dario Marcucci, Presidente del Municipio III di Roma, Marco Benini, esperto in processi pedagogici ed educativi della Fondazione Paoletti, e Alessandro Sannino, ingegnere e ricercatore PhD in Ingegneria dei Materiali presso l’Università di Napoli e di Seattle, nonchè Visiting Scientist presso il MIT di Cambridge. La conferenza è stata condotta da Elena Perolfi, direttore didattico dell’Alta Scuola di Pedagogia per il Terzo Millennio.

Realizzata nell’ambito della Settimana della Scienza con il format "Percorsi verso l'eccellenza", La Talk Conference ha rappresentato un importante momento di riflessione sulle risposte che l’umanità è chiamata a dare ai processi di cambiamento che quotidianamente, e sempre più rapidamente, vive.

In un mondo tecnologico fortemente articolato, altamente dinamico e sempre più difficile da interpretare, la scienza non è soltanto il meccanismo che muove il progresso umano, ma anche lo strumento che può permetterci di guidarlo ed orientarlo.

Perché ciò accada, come ha sottolineato il Presidente Marcucci, è importante che le porte del sapere e della ricerca siano rese accessibili a tutti: comunicare la scienza è l’atto che può renderci più consapevoli del presente e orientarci verso un futuro più pacifico.

La ricerca neuroscientifica, ad esempio, è il terreno d’indagine che la Fondazione Paoletti semina quotidianamente per migliorare, innovandoli, i processi educativi e per contribuire ad un equilibrato sviluppo sociale. Con la sua affascinante indagine sulle relazioni tra mente e cervello, ha sottolineato il dott. Benini, questa scienza ci parla di un uomo capace di prefigurare il suo futuro e orientarsi al meglio, capace di cambiare in un mondo che cambia e sfruttare appieno la sua straordinaria ampiezza intellettiva, emotiva ed etica.

Un progresso così saldamente impiantato sulla ricerca scientifica è un progresso inclusivo, capace di aprire ai più diversi punti di vista, in grado di portarci a soluzioni partecipate da tutti e ad azioni pienamente sostenibili.

E a parlarci di sostenibilità è stato proprio Alessandro Sannino, che durante la conferenza ha presentato la scoperta dell’ “Idrogel”, un materiale super-assorbente dalla formulazione innovativa, completamente biodegradabile e assolutamente biocompatibile.

Questo materiale, in grado di assorbire una quantità d’acqua superiore di mille volte rispetto al suo peso, è uno straordinario esempio di innovazione scientifica in grado di orientare il futuro dell’umanità. Gli scienziati stanno riflettendo sulle sue possibili applicazioni socialmente utili, che sono innumerevoli: il suo utilizzo in ambito agricolo, ad esempio, potrebbe essere d’aiuto nello sviluppo dei Paesi del terzo mondo, mediante la creazione di serre in cui il gel, trattenendo enormi quantità d’acqua, favorirebbe la coltura d’ogni tipo di specie vegetale commestibile. Ma sono allo studio degli utilizzi di questa tecnologia anche in ambito medico o in campo ambientale. Con l’esempio di questa straordinaria innovazione scientifica, Sannino ha trasportato il gremito pubblico della manifestazione romana nello spazio delle invenzioni socialmente utili.

Tre differenti voci, dunque, tre professionalità diverse, ma pienamente concordi sulle prospettive future dell’uomo: la ricerca scientifica, se intrecciata all’etica e alla cura delle nuove generazioni, può davvero costituire il nostro “vantaggio futuro”.
 

Ricerca    |    Istituto di ricerca    |    Alessandro Sannino