E-learning

Il sapere è al tempo stesso l'esigenza e lo strumento essenziale dello sviluppo
La piattaforma e-learning di Fondazione Patrizio Paoletti è stata concepita e realizzata per sostenere e implementare i percorsi di lifelong learning che l'ente progetta e sviluppa in Italia e all'estero. Sulla piattaforma sono presenti contenuti ed esercizi fruibili in quattro differenti lingue per far fronte ad un utenza diversificata e diffusa, ad oggi, su quattro continenti. La piattaforma contiene un sapere pedagogico derivato dalle attività di ricerca (neuroscientifica, educativa, didattica e compilativa) che la fondazione promuove e persegue, i corsi sono seguiti da docenti e tutor specializzati. Sulla piattaforma si possono consultare materiali e testi specifici di Pedagogia per il Terzo Millennio, sistema pedagogico che opera per il miglioramento e lo sviluppo del potenziale di relazione tra gli individui.

Cerca per argomento

Store

  • Bomboniere solidali - Special Pack

    Bomboniere solidali - Special Pack
    Prezzo: 15,00 €

    Stai organizzando il tuo matrimonio, la tua laurea, il battesimo o la comunione di tuo......

    approfondisci
  • Quando imparare è facile

    Quando imparare è facile
    Prezzo: 12,00 €

    Collana: La Pedagogia di Infinito edizioni Titolo: Quando imparare è facile. Amare,......

    approfondisci

Fondazione Patrizio Paoletti

news
home / elenco news / “Neuroscienze e ciclo di vita”: un workshop per la Brain...

News

Bookmark and Share
“Neuroscienze e ciclo di vita”: un workshop per la Brain Awareness Week
“Neuroscienze e ciclo di vita”: un workshop per la Brain Awareness Week

14 MARZO - Si apre oggi la Brain Awareness Week, settimana mondiale dedicata alla più straordinaria, sorprendente ed affascinante delle risorse dell’uomo: il cervello! Fondazione Patrizio Paoletti realizza, nell’occasione, il workshop “Neuroscienze e ciclo di vita”.

In tutto il mondo, a marzo di ogni anno, le principali organizzazioni che si occupano di neuroscienze si aprono al grande pubblico per raccontare, tramite eventi culturali e creativi, workshops, laboratori e conferenze, le ultime scoperte sul cervello umano e sui suoi segreti.

Dana Foundation, organizzazione internazionale che si propone di promuovere e divulgare la ricerca neuro scientifica in tutto il mondo e che coordina la Brain Awareness Week, ha scelto di appoggiare l’iniziativa “Neuroscienze e ciclo di vita”, che Fondazione Patrizio Paoletti ha voluto proporre in occasione di questo momento così importante per il progresso umano.

Si tratta di un workshop dedicato ai professionisti dell’educazione che si terrà a Roma in via Ruggero Bacone 6, nei giorni 19 e 20 marzo con orario 10.00-18.30.

L’evento percorrerà la sottile linea di confine tra neuroscienze ed educazione, approfondendo il tema delle determinanti (genetiche, ambientali, educative) che possono influire sul corretto sviluppo del bambino. I contenuti del workshop sono ben illustrati nel seguente abstract dalla dott.ssa Antonella Selvaggio, psicoterapeuta e membro del comitato scientifico della Fondazione Paoletti:

“La crescita dell’uomo e il suo sviluppo avviene in un continuum costituito da tappe, inscrivibili nel concetto psicologico denominato “ciclo di vita”, che a volte sembrano casuali, a volte invece somigliano a percorsi ordinati e ben strutturati: la differenza è dovuta alle prime interazioni che caratterizzano l’esordio del ciclo di vita di una persona.

La mente infantile nel suo nascere, può essere paragonata, a una scacchiera: inizialmente qualunque partita è potenzialmente concepibile, se le prime mosse sono corrette l’impianto del gioco ne risulta avvantaggiato; ma se le mosse iniziali sono errate lo sforzo per risollevare le sorti del gioco può essere anche molto gravoso e non dare il risultato sperato.

Lo sviluppo individuale di ogni essere è caratterizzato da un insieme eterogeneo di influenze genetiche e di stimoli ambientali che interagiscono reciprocamente. Le neuroscienze hanno dimostrato che sin dalla vita intrauterina è presente una sorta di “predisposizione biologica” alla relazione di reciprocità, e la neurobiologia ci ha informato che nella microstruttura del cervello è presente un immenso network di informazioni e memoria che muta costantemente nel corso dell’intera esistenza umana.

Il programma genetico di cui ogni uomo è dotato è uno script “aperto”, nel quale i geni stabiliscono molte caratteristiche dell’intelligenza e del comportamento di quel determinato individuo, ma la cui azione è un’azione in divenire, che dipende dall’interazione con l’ambiente e soprattutto dalla qualità delle prime interazioni umane (0-3 anni).

Giocando con le esperienze precoci si può modulare l’espressione dei geni e guidare il cervello verso la sua progressiva maturazione: in questo processo la relazione di reciprocità risulta essere la matrice della mente che permette all’individuo di realizzarsi in se stesso e nella relazione con gli altri in ogni fase del ciclo vitale”.
 

Per maggiori informazioni: segreteria@fondazionepatriziopaoletti.org

 

Ricerca neuroscientifica   |   Istituto di ricerca   |   Brain Awareness Week   |   Dana Foundation