E-learning

Il sapere è al tempo stesso l'esigenza e lo strumento essenziale dello sviluppo
La piattaforma e-learning di Fondazione Patrizio Paoletti è stata concepita e realizzata per sostenere e implementare i percorsi di lifelong learning che l'ente progetta e sviluppa in Italia e all'estero. Sulla piattaforma sono presenti contenuti ed esercizi fruibili in quattro differenti lingue per far fronte ad un utenza diversificata e diffusa, ad oggi, su quattro continenti. La piattaforma contiene un sapere pedagogico derivato dalle attività di ricerca (neuroscientifica, educativa, didattica e compilativa) che la fondazione promuove e persegue, i corsi sono seguiti da docenti e tutor specializzati. Sulla piattaforma si possono consultare materiali e testi specifici di Pedagogia per il Terzo Millennio, sistema pedagogico che opera per il miglioramento e lo sviluppo del potenziale di relazione tra gli individui.

Cerca per argomento

Store

  • Crescere nell'Eccellenza

    Crescere nell'Eccellenza
    Prezzo: 15,00 €

    Collana: I problemi dell'educazione di Armando Editore Titolo: Crescere......

    approfondisci
  • T-shirt tecnica Run for Children

    T-shirt tecnica Run for Children
    Prezzo: 35,00 €

    Fondazione Patrizio Paoletti, Associazione Paoletti Onlus e Ora.ch ti propongono un acquisto......

    approfondisci

Fondazione Patrizio Paoletti

news
home / elenco news / C'è una guerra nascosta in Brasile: ripartiamo...

News

Bookmark and Share
C'è una guerra nascosta in Brasile: ripartiamo dall'educazione!
C'è una guerra nascosta in Brasile: ripartiamo dall'educazione!

di CIRO SCATEGNI

Fondazione Paoletti, in collaborazione con New Life for Children, realizza dal 20 al 22 aprile un nuovo intervento formativo in Brasile presso l'Università Flumense di Rio das Ostras.

Voluto fortemente e patrocinato dall'Ordine degli Avvocati dello Stato Rio das Ostras, il seminario in Pedagogia per il terzo millennio ha l'obiettivo di fornire nuovi strumenti educativi a educatori, insegnanti, genitori sociali, psicologi, avvocati che ogni giorno lavorano per seminare un futuro diverso per il Brasile.

Brasile, ripartiamo da qui

A cura di Antonia Ori

Gli assalti armati sono all’ordine del giorno. Avvengono nel cuore delle città, quando le strade sono ancora piene di gente. Rapine, aggressioni, sparatorie, ma anche esecuzioni di personaggi scomodi. Il Brasile non è in guerra, ma i suoi numeri una guerra – costante, non dichiarata – ce la fanno immaginare: 160 omicidi al giorno, uno ogni nove minuti. Statistiche che fanno impallidire perfino quelle del sanguinoso conflitto in Siria, e che collocano il paese all'undicesimo posto nel ranking mondiale degli assassinii. Morti violente e intenzionali, nonostante gli oltre 76 miliardi di real spesi per l'ordine pubblico e il discutibile decreto che, 30 anni dopo la fine della dittatura, affida la gestione della sicurezza all'esercito, spesso e volentieri autore in primis (assieme ai corpi di polizia) di episodi di violenza. Secondo un rapporto dell'Alto commissariato per i diritti umani dell'Onu, la polizia brasiliana sarebbe responsabile dell'uccisione in media di 5 persone al giorno, in massima parte afrobrasiliani. Episodi come quelli denunciati dall'attivista per i diritti umani Marielle Franco, crivellata di colpi assieme al suo autista nel pieno centro di Rio De Janeiro dopo aver denunciato l'operato della polizia militare nella favela di Acari: minacce, stupri, omicidi. “Dobbiamo gridare al mondo cosa succede ad Acari” scriveva Marielle.

CONTINUA A LEGGERE sul sito di New Life for Children, partner di progetto